Tutte le buone abitudini per mantenere in salute il nostro cuore - Centro Cuore Europeo - Khalil Fattouch

Tutte le buone abitudini per mantenere in salute il nostro cuore

Come manteniamo in salute il cuore?
Innanzitutto, bisognerebbe prestare estrema attenzione ai fattori di rischio, quali sedentarietà, obesità, colesterolo alto, diabete e pressione elevata. La sedentarietà deve essere contrastata con una costante ed efficace attività fisica; il colesterolo va tenuto sotto controllo assumendo sempre più cibi che stimolino la produzione di HDL, il colesterolo buono, affinché questo possa “ripulire le arterie” e limitare o addirittura escludere l'assunzione di cibi che facciano aumentare quello cattivo, colpevole, invece, dell'ostruzione dei vasi sanguigni. Inoltre, è buona consuetudine ridurre al minimo il consumo di zuccheri: il glucosio, infatti, provoca un aumento della glicemia, indice di diabete, aumentando così il pericolo cardiovascolare.
Anche la sigaretta fa molto male al cuore e questo, insieme ad altre infinite ragioni, è un buon motivo per liberarsi dal tabagismo. Il fumo che si sprigiona dalla combustione tra cartina e tabacco contiene innumerevoli sostanze nocive, tra cui il monossido di carbonio, gas velenoso in grado di diminuire la quantità di ossigeno trasferita nel sangue, ed il cianuro di idrogeno, che danneggia cuore e vasi sanguigni.
Il nostro cuore sta bene se si conduce una sana e corretta alimentazione basata sul rispetto della dieta mediterranea, che prevede un consumo abbondante di grassi vegetali (a sfavore di quelli animali), frutta, verdura, pane e riso, e se ci si tiene in movimento. Riguardo all'attività fisica, è importante precisare che non è necessario effettuare performance da atleta, basta una passeggiata di circa 30 minuti per 3 o 4 volte alla settimana per ridurre peso, pressione e rischio di diabete, aumentare il colesterolo buono ed abbassare il numero dei battiti cardiaci. Inoltre, nelle donne in menopausa, l'attività fisica regolare riduce di un terzo i rischi di infarto.
Infine, è bene controllare periodicamente lo stato del nostro cuore per mezzo di tutti gli esami cardiologici di routine, perché la prevenzione è sempre l'arma più forte.